Superbonus al 110, eco-bonus, bonus facciate, bonus ristrutturazioni , bonus verde sono tutte agevolazioni che stanno molto a cuore ai contribuenti. Il problema sono sempre le scadenze e le varie proroghe che rendono instabile il beneficio. Ricordiamo infatti che i termini di scadenza delle agevolazioni oscillano dal 31 dicembre 2021 (per la grande maggioranza) al 31 dicembre 2023. In attesa che la legge di bilancio per il 2022, eventualmente, preveda la proroga per alcuni di essi, ecco un breve riepilogo delle varie casistiche.

 

Superbonus 110: scadenza nel 2022 o nel 2023

Incominciano con il cd. Superbonus 110, il bonus che fa più discutere, anche per via delle numerosa modifiche a cui è stato sottoposto (si vedano le novità introdotte con il Decreto Legge Semplificazioni). Per questa agevolazione la scadenza è il 30 giugno 2022. Attenzione però, questo è vero in linea di massima ma sono previste alcune distinzioni infatti:

  1. i condomìni hanno tempo fino al 31 dicembre 2022
  2. gli edifici da due a quattro unità e posseduti da un unico proprietario (o in comproprietà tra più persone fisiche), hanno tempo fino al 31 dicembre 2022 a condizione che entro giugno 2022 sia stato realizzato almeno il 60% dell’intervento.
  3. le case popolari hanno tempo fino al 31 dicembre 2023 a condizione che entro giugno 2023 sia stato realizzato almeno il 60% dell’intervento. 


Bonus facciate: scadenza 31.12.2021

Per quanto riguarda il cd. Bonus Facciate (bonus pari al 90% della spesa sostenuta per il rifacimento delle facciate degli edifici) la scadenza è fissata al 31 dicembre 2021. Una possibile proroga, arriverà eventualmente con la legge di Bilancio 2022.

 



Aldo Cadau Cadau&Associati Bonus Facciate Ufficio Commercialisti Cagliari

 

 

 

Bonus ristrutturazione al 50% fino al 31.12.2021, poi al 36%

Per quanto riguarda il bonus per la ristrutturazione edilizia degli edifici la situazione è leggermente differente. Ricordiamo infatti che la misura “normale” prevede una detrazione pari al 36% della spesa sostenuta dai contribuenti, tuttavia dalla Legge di bilancio 2012 in poi è stata introdotta una misura rafforzata dell’agevolazione che prevede la detrazione pari al 50% della spesa, che è stata regolarmente prorogata di anno in anno. Quindi fino al 31 dicembre 2021 è confermata la detrazione al 50%, successivamente, fatte salve proroghe nella legge di bilancio 2022, l’agevolazione scenderà al 36%.


Bonus mobili fino al 31.12.2021

Per quanto riguarda il cd. Bonus mobili, cioè il bonus al 50% destinato alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (di classe energetica A) di immobili oggetto di ristrutturazione, il termine dell’agevolazione è il 31 dicembre 2021. Anche in questo caso, il bonus può essere salvato solo da una proroga nella Legge di bilancio 2022.

 

Sisma-bonus fino al 31.12.2021

Per quanto riguarda il cd. Sisma bonus, l’agevolazione per la messa in sicurezza degli edifici (che ricordiamo oscilla dal 50% fino all’85% a seconda delle casistiche della tipologia di immobile e dei lavori eseguiti) la scadenza prevista è il 31 dicembre 2021. Si spera pertanto in una proroga nella Legge di bilancio 2022.

 

Eco-bonus fino al 31.12.2021

Per quanto riguarda il cd. Eco-bonus, cioè il bonus per le spese sostenute dal contribuente per il risparmio energetico degli edifici (anche qui la percentuale oscilla a seconda dei lavori e della tipologia di immobili fino al 75%) il termine è il 31 dicembre 2021. Ancora una volta si aspetta la proroga nella Legge di bilancio 2022.

 

Bonus verde fino al 31.12.2021

Per quanto riguarda il cd. Bonus verde, cioè la detrazione pari al 36% delle spese sostenute per la sistemazione verde di giardini e terrazze, il termine previsto è il 31 dicembre 2021. Eventualmente l’agevolazione sarà prorogata con la Legge di bilancio 2022.